Il fascino indiscreto della bicicletta

Ci sono luoghi al mondo che sono inattaccabili persino dalle automobili a quattro ruote motrici e che, per ironia della sorte, i ciclisti e le biciclette riescono in qualche modo a conquistare. Questi sono i luoghi in cui il fascino della bicicletta è assoluto: privo di qualsiasi discrezione.

Certo, ciò può accadere in angoli remoti, in cui l’umana sopportazione raggiunge il limite estremo: Canyonlands nello Utah, per esempio, il luogo più arido al mondo, ma quel fascino indiscreto si può apprezzare anche altrove, in circostanze che non hanno nulla di proibitivo: alla domenica, al culmine d’un percorso in bicicletta il cui obiettivo sia semplicemente di bagnare i piedi in un laghetto alpino. Situazioni che non hanno nulla di particolarmente faticoso e senza alcun obbligo di performance, che ristabiliscono la condizione più importante della bicicletta: la libertà.

Potrebbe perciò non essere affatto importante quanta strada sia stata percorsa prima di raggiungere la meta e neppure se il tragitto sia stato più o meno pianeggiante o quanto lo sterrato sia stato accidentato e arduo da pedalare. Potrebbe anche non contare che media si è tenuta, perché il fascino indiscreto della bicicletta può essere legato anche solo alla possibilità di raggiungere un luogo inaccessibile a qualsiasi altro mezzo di trasporto e tenere la propria gravel-bike, che fra breve provvederà a ricondurci a casa, a un passo da noi. Ebbene per molti ciò può rappresentare un piacere indescrivibile, ancor più delle prestazioni personali: l’ideale per un viaggio che, solo sulla base della scelta, possa sconfinare più o meno nell’avventura e che regali sensazioni che continueranno per molto tempo a solleticare la memoria.

La compagnia piacevole, l’immersione totale nella natura e, perché no, l’inarrestabile desiderio di misurare talvolta i propri limiti renderanno una giornata o un fine settimana il miglior modo per ricaricare le proprie energie così da affrontare la città con uno spirito rinnovato, con la precisa consapevolezza, però, che al principio d’ogni importante sollievo c’è una bicicletta all’altezza di piccole e grandi imprese. Dalle strade bianche che scendono dal Cansiglio e conducono al Lago di Santa Croce sino ai sentieri mozzafiato che collegano Moab a Island in The Sky, Canyonlands, USA.

LA BICI DI QUESTO ARTICOLO

Jena: liberi di scegliere

Jena è la tua nuova bici in carbonio per il gravel, nata per darti la più ampia libertà di scelta nelle tue uscite. Che sia pura performance su strade bianche e single track oppure avventura, esplorazione e bikepacking, Jena è stata pensata per soddisfare qualsiasi tua esigenza.
Jena è una bici leggera, reattiva, maneggevole, con geometrie racing-confort, in grado di adattarsi ai molteplici usi richiesti ad una bici gravel.

Scopri di più

Ecco alcuni prodotti che potrebbero interessarti

BORSELLO MANUBRIO BUD

Mostra di più

BORSA TELAIO NODE

Mostra di più

BORSA MANUBRIO TENDRIL 4.10

Mostra di più

BORSA TELAIO INTERNODE

Mostra di più